L’A.N.P.I. esprime solidarietà ed appoggio al Sindaco di Scandicci PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Dopo la provocatoria affissione di alcuni manifesti del movimento "Fascismo e libertà" avvenuta a marzo a Firenze, i rappresentanti di questa organizzazione ci hanno provato in questi giorni di luglio  anche a Scandicci. Si tratta di un movimento neo-fascista che si richiama in maniera inequivocabile alla dittatura fascista, alla RSI ed a Mussolini.
L’Amministrazione comunale, nella persona del Sindaco Simone Gheri, ha preso una decisione netta, ritenendo non ammissibile l’affissione dei manifesti. Non ammissibilità motivata, sia in base alla XII Disposizione finale e transitoria della Costituzione, in cui si afferma che è vietata la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista, nonché agli articoli 1 e 4 della legge 645 del 1952 che contemplano il reato di apologia del fascismo.
Anche la Sezione A.N.P.I. di Scandicci ha voluto esprimere la sua solidarietà e pieno appoggio rispetto alla decisone assunta dal Sindaco in difesa della Costituzione  e  dell’ordinamento democratico, nato dalla lotta di Resistenza.
Di seguito il testo completo della nota dell’Ufficio di Presidenza della Sezione A.N.P.I. di Scandicci indirizzata al Sindaco:

Signor Sindaco,
a nome e per conto del Comitato Direttivo della sezione ANPI di Scandicci, Le esprimiamo la più convinta e totale solidarietà, riguardo alla sua encomiabile decisione di non consentire che vengano affissi manifesti, spudoratamente “fascisti”, negli spazi pubblici nel nostro Comune destinati all’affissione.
Vale la pena ricordare che il fantomatico movimento cosi detto “Fascismo e Libertà”, firmatario di detti manifesti, è dichiaratamente fascista e sul proprio simbolo include e pone in evidenza il “fascio littorio” di colore rosso. Tra gli ideali ispiratori fa esplicito riferimento alla RSI, al corporativismo, all’antisemitismo e, in maniera apologetica, al culto del ventennio mussoliniano.
A nostro parere, ci sono tutti gli estremi per mettere al bando siffatto movimento, nel rispetto della Costituzione e delle leggi democratiche vigenti in questa nostra Repubblica, sorta dopo la lotta di Liberazione.
Purtroppo questo movimento ed altri, con analoghe caratteristiche ideologiche di stampo nazi-fascista, per le loro iniziative e azioni provocatorie sono una costante minaccia alla nostra Democrazia e alla convivenza civile.
Scandicci Antifascista è a fianco del Sindaco Gheri, l’ANPI di Scandicci esprime con convinzione una solidarietà non formale al Sindaco, come primo garante nella nostra città del rispetto delle leggi della Repubblica e, in primo luogo, della Costituzione che vieta ogni forma di apologia del disciolto Partito Fascista.
L’ANPI di Scandicci si impegna nelle forme e nelle condizioni che si renderanno necessarie a sostenere la decisione del Sindaco, sicuramente interpretando il sentimento democratico della stragrande maggioranza dei cittadini di Scandicci, che storicamente, a partire dalle gloriose “Barricate” del 1921, si sono sempre schierati dalla parte della Libertà e della Democrazia.
Grazie Signor Sindaco                   Scandicci 13 luglio 2012
 

Cane ANPI


Facebook MySpace Twitter Digg Delicious Stumbleupon Google Bookmarks RSS Feed 

Contatti

ANPI SCANDICCI

Via De rossi, 26
50018 Scandicci (Firenze)

Tel: 055 254758
NUOVA Email: anpiscandicci@gmail.com