Home Fascismo a Scandicci
Fascismo a Scandicci
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 

Dopo l'assassinio di Spartaco Lavagnini, il 27 febbraio 1921 ed i tumulti che ne seguirono, i cittadini di Scandicci si strinsero attorno al Consiglio comunale ed al sindaco Silvio Cicianesi. Furono erette barricate in vari punti della città. In particolare, al ponte sulla Greve -strada di collegamento con Firenze- dove ci si aspettava l’arrivo degli squadristi, venne eretto l’ostacolo più solido, il michelassi"trincerone". La mattina del 28 febbraio arrivò un contingente dell’esercito dotato di autoblindo e cannoni da campagna.Sfondato il trincerone a cannonate, entrò in città, cannoneggiò il palazzo del Comune e poi la Casa del Popolo, quindi arrivarono i fascisti e il contingente si ritirò. I fascisti ebbero mano libera. Si ebbero rappresaglie immediate.Oltre alla distruzione delle sedi operaie, si colpì la vita democratica. Furono imposte le dimissioni del Consiglio comunale e si nominò un Commissario prefettizio con mansioni di ordinaria amministrazione. Molti cittadini di Scandicci vennero sottoposti ad indagini giudiziarie che determinarono il "processone"(definizione ironica della Nazione), a carico di 26 cittadini, che iniziò il 21 novembre 1922( a Marcia su Roma avvenuta). L’accusa era di insurrezione armata contro i poteri dello stato, tentato omicidio aggravato,interruzione dei servizi telegrafici e telefonici.Il sindaco Silvio Cicianesi venne condannato a 15 anni di reclusione,l’assessore Vittorio Michelassi a 5 anni e 10 mesi. Altri dieci imputati vennero condannati a pene variabili.Quattordici imputati vennero prosciolti.Questa vicenda,naturalmente, contribuì, ad incrementare il casellario politico della questura.

I cittadini di Scandicci schedati al casellario politico -quindi sottoposti a particolari "attenzioni" in quanto sovversivi, cioè pericolosi per l’ordine pubblico- risultano essere stati 106. Fra di essi: 49 qualificati come comunisti, 32 socialisti, 12 antifascisti, 11 anarchici e 2 non connotati specificatamente. Nel casellario politico i 106 schedati del periodo fascista si sommano ai 27 schedati dal 1896 al 1916. Quest’ultimi erano distinti in 17 socialisti, 8 anarchici e 2 non connotati specificatamente.
badia2L’istituzione del Tribunale speciale per la difesa dello Stato, provvide alla celebrazione di processi che coinvolsero numerosi cittadini di Scandicci. Nel 1926 si ebbero molti arresti per il reato di ricostituzione del Partito Comunista. Gli arrestati vennero processati l’anno successivo e furono inflitte varie condanne. Tra i "colpevoli" ricordiamo gli scandiccesi Renzo Berti, Fausto Giani, Ugo Grifigni, Santino Mugnai e Giulio Ugolini, condannati a pene detentive varianti dai due ai tre anni ciascuno. A Milano, nel 1927, venne arrestato un gruppo di militanti perchè cercava di ricostituire la Confederazione Generale del Lavoro. Tra questi figurava Osvaldo Benci, di Casellina e Torri che, ritenuto il principale responsabile, veniva condannato a venti anni di reclusione. A Firenze veniva arrestato un gruppo di militanti comunisti che, accusati di avere tentato, "antecedentemente al 1924 e fino a tutto il 1926" di riorganizzare il partito, venivano processati davanti al Tribunale speciale. Tra di loro figurava Giulio Ceccuti, di Casellina, che veniva condannato a cinque anni di carcere. Nel 1927 si ebbe un altro tentativo di ricostituzione del Partito Comunista al quale avevano preso parte badia4anche Iginio Bercilli, di Casellina e Torri. Arrestato e processato, il Bercilli veniva condannato a sei anni di reclusione. Sempre per lo stesso motivo veniva arrestato e processato un altro gruppo fiorentino del quale facevano parte Autilio Ceccarelli, Olinto Ceccuti e Gino Frosali, tutti di Scandicci. Giudicati colpevoli venivano condannati a pene detentive oscillanti fra i tre ed i quattro anni ciascuno. Della vasta rete comunista, ricostituitasi in Toscana dopo gli arresti del 1937 e scoperta l’anno successivo, facevano parte anche Giuseppe Calattini, Ugo Miliani Tebaldo Cambi, Enrico Checcucci e Fosco Conti di Scandicci. Giudicati colpevoli, venivano condannati a pene oscillanti dai cinque ai due anni di reclusione. Un gruppo pratese dedito al "soccorso rosso" ed all’"organizzazione comunista" veniva individuato ed arrestato nel 1941 e processato nel 1942. Tra di loro figurava Oliviero Frosali di Scandicci, che veniva condannato ad otto anni di carcere.

 

Cane ANPI


Facebook MySpace Twitter Digg Delicious Stumbleupon Google Bookmarks RSS Feed 

Contatti

ANPI SCANDICCI

Via De rossi, 26
50018 Scandicci (Firenze)

Tel: 055 254758
NUOVA Email: anpiscandicci@gmail.com